Playlist

1972 – Liguria. Mangiadischi arancione. Gite in campagna e baci sulla bocca.

Antoine – La Tramontana
Formula 3 – Questo folle sentimento
Beatles – Hey Jude
Sylvie Vartan – Buonasera Buonasera
Mario Tessuto – Lisa dagli occhi blu
Pilade – Amami un giorno soltanto
Beatles – Obladì , Obladà
Equipe 84 – 29 Settembre
Don Backy – Canzone
Santana – Oye como va
Jimi Hendrix – Freedom
Gianni Morandi – Chimera
Adriano Celentano – Chi non lavora non fa l’amore
Edoardo Vianello – I Watussi
Barry Ryan – Eloise
The Cowsill – Le Opere di Bartolomeo
Gianni Morandi – Il Giocattolo
Santana – Black Magic Woman
Romina Power – Acqua di mare
Lucio Battisti – Il tempo di morire
Rolling Stones – Angie
Sylvie Vartan – Come un ragazzo
The Renegades – L’amore è blu
Beatles – Lady Madonna

Disastro – 2

Il commento piu’ fesso che ho visto (ed e’ stata una bella lotta) e’ stato Beppe Sala che si e’ inpavonato del fatto che a Milano citta’ il PD sia rimasto il primo partito. Merito della buona Amministrazione.
Ha.
Siamo nel mondo della inferenza, dovremmo avere imparato tutti, almeno un pochino, a non inventarci correlazioni dove non ci sono. Allora come mai a Roma i 5stelle sono il primo partito? Merito della buona Amministrazione? Sciocchezze. Guardate dove ha vinto il PD. Milano 1,2,3. A Milano Nord (Sesto!!!!!) ha vinto DellaFrera, uno che io pensavo fosse emigrato per giusta causa da decenni.

Il PD resta il primo partito perche’ Milano e’ la citta’, numericamente e relativamente parlando, piu’ borghese d’Italia. La stessa borghesia che elegge un “navigato” manager a fare il sindaco. Come se fosse la stessa cosa. Passioni, visioni, a cosa servono?

Metto Marta Argerich che e’ lungo ma abbiamo 5 anni di tempo.

Disastro – 1

Io non sono sorpreso del fatto che LEU abbia fatto schifo, di solito io non vinco mai le elezioni, l’ultima volta e’ stato forse il 1975 (La Nave dei Folli), e io nemmeno votavo. Forse con Giuliano sarebbe stato diverso.

Ma, ma, detto tutto questo. Io mi chiedo se sia piu’ giusto un suicidio di principio o un suicidio tattico.

Il suicidio di principio e’ quello che dice: il programma dei 5 stelle (vedi dopo) e’ magari infattibile, ma e’ piuttosto di sinistra, ovvero va contro la diseguaglianza. Quindi per l’Italia, secondo il

    principio

appunto di fare il bene del paese, sono meglio loro che gli altri, e stando dentro un governo con loro possiamo correggere le cose che non vanno. Ma se lo sposiamo, diventiamo il partito junior della coalizione, e i partiti junior di solito fanno una brutta fine comunque vada.

Il suicidio tattico e’ quello che dice fanculo, si arrangino, noi ora ripartiamo dall’opposizione. Non governa nessuno, e tra dodici mesi i 5stelle prendono la maggioranza assoluta al grido di lasciateli governare.

Io in effetti so cosa sarebbe piu’ giusto. Ma pare che il 90% del PD la pensi diversamente, e questo secondo il principale oppositore di Renzi. E, a pensarci bene, non mi stupisce.

Programma dei 5stelle

Sono 20 punti, 5 fuffa pura, una dozzina di buon senso e relativamente di sinistra, nel senso di redistributivi, e 3 per acchiappare voti a destra. Poi per poterli realizzare dovremmo ereditare il Klondike con tutti i suoi giacimenti, ma lo score non e’ male. Se qualcuno che ne fosse capace usasse quelle centinaia di parlamentari per portarne a case tre e quattro, magari ottenendo anche che si aggiungessero uno ius soli o due….

ecco il millenovecentosettantacinque…

Rispetto 101, per nuove e vecchie ragazze con problemi di egoriferimento

Mai promettere qualcosa che non vorrai mantenere. E se lo fai, non dire la verita’. Inventa una scusa. Seria. “Devo osservare la fioritura dei gelsomini” non e’ sufficiente.

Non chiedere al tuo excompagno di usare la sua casa con il tuo nuovo fidanzato, ne soffrirebbe. Poco o molto, dipende, ma se non ne soffrisse almeno un poco vorrebbe dire che non ti ha mai amato.

Non lasciare un augurio cortese non risposto, un regalo pensato e ben fatto non ringraziato. O rispondi, ringrazi, o denunci per stalking, o sappi che stai causando (almeno un poco di) dolore.

Non chiedere al tuo excompagno di sostituire il baysitter perche’ tu possa essere marginalmente piu’ felice. Il tempo con i vostri bambini deve essere tempo di benessere, altrimenti stanno tutti peggio. Tranne te.

I tuoi pensieri contano, le tue parole pesano, la tua attenzione importa. Il rispetto passa dall’attenzione, dal sapere le cose importanti che accadono. Dal sapere come l’altro sta e preoccuparsi per come stara’. Prima di quegli stupidi e passivi neuroni specchio, vengono i neuroni normali, quelli che ti fanno pensare all’impatto delle tue azioni, prima che succedano.

Come Salvarsi dai Corteggiatori molesti

Parlando di #MeToo,
oggi leggevo che la Ford negli Stati Uniti ha raggiunto un settlement di 10 milioni di dollari per una causa collettiva di molestie sessuali.
Nulla di strano, i predatori con il potere non sono solo i produttori. Un capo reparto ha lo stresso potere di un Weinstein quando si tratta di persone che lavorano per lui.
Quello che e’ strano e sinistro e che mi fa pensare che stiamo perdendo un’opportunita’ e’ che la stessa Ford aveva gia’ fatto un settlement per gli stessi motivi nel 1990. 22 milioni. E una solenne promessa di “intervenire alla radice del problema”.
27 anni, la stessa cultura, gli stessi comportamenti. Non abbiamo fatto progressi. Li stiamo facendo oggi? Ci sono leggi nuove che definiscono i reati, ed e’ un bene. Ma la cultura non cambia. Il potere non cambia.
Il potere e’ la chiave di lettura; come lo usiamo, come ci piace usarlo, come ci rende incapaci di vedere le cose con gli occhi e le emozioni degli altri. Non so se davvero le donne lo usino molto diversamente (tendo a pensare di no, che le differenze medie siano marginali) ma anche fosse cosi’, se non ci puo’ essere pace almeno facciamola diventare una battaglia tra pari .
Solo piu’ donne al potere (il potere dell’officina, del reparto, della fabbrica, del consiglio d’amministrazione) potranno cambiare questa situazione. Se non ci credete e pensate di avere fatto grandi progressi, leggete questo numero di Grazia.

E’ del 1960, e chiaramente le soluzioni proposte non hanno funzionato…

Ragazzi miei

‘Dove andremo a dormire questa notte? Alla stazione di Victoria stesi sotto le biglietterie o nascosti dentro una tenda piantata ai bordi di una tangenziale? Dove ci laveremo i capelli che ormai e’ chiaro a tutti che non vedono acqua da tempo, cosa ci succederà domani?’

Una generazione, forse mezza, e queste domande che già per noi erano solo domande da vacanza e da libertà sembrano essere diventate domande che possono riguardare solo altri. Immigrate che non sanno come arrivare alla mattina senza una protezione, disperati da tossicodipendenze che non hanno trovato un aiuto, divorziati malprotetti da giudici che non hanno il tempo di giudicare.

Dove vanno questi ragazzi, cosa so di loro? Dove va Giacomo, con la sua apparenza infallibile, il suo camminare dinoccolato e la sua trasgressione controllata, droghe, sesso, pugni, tutto in quantità moderata. Dove andrà, seguirà il suo tranquillo amore o proverà a stravincere e a fare qualcosa di unico, il primo? O terrà tutto insieme? Dove va Vera, che nasconde passioni e si nasconde con il suo farcela all’ultimo minuto, la sua distrazione controllata, la sua fragilità che si trasforma in forza. La sua indipendenza di fatto, senza strilli e clamori, e la sua solitudine. Quale sarà lo strappo che segnerà il suo destino, quale il ragazzo o la ragazza che la porterà via? Dove andrà Marta, così attenta al dolore e al giudizio degli altri? Dove andrà così magra e sorridente, troverà una causa per cui lottare, una ragione vera per cui valga la pena di fare le cose solo perché sono giuste? Saprà vincere, saprà come ferire gli altri quando le servirà? E Luca, dove andrà? Dove lo porteranno quell’ironia da grande, quella voglia di giocare e ridere e sghignazzare che non sembra mai esaurirsi. Con tutte le domande che ha in testa, quali saranno quelle a cui vorrà davvero dare una risposta?

E dove andranno Alice e Clara, ragazze degli anni 10 a cui è dedicato il nostro futuro migliore, a cavallo tra mondi così diversi che viene da chiedersi come faranno a tenerli insieme e se saranno loro a incominciare a chiudere i bordi, a avvicinare i lembi di questi modi di essere che si allontanano ogni giorno?
Quando ero Giacomo chi mi stava intorno pensava che sapessi tutto mentre io sapevo solo quello che mi mancava e definivo il mio futuro per negazioni: voglio la ragazza che non ho, non voglio quello che i miei genitori hanno e sono. Quando ero Vera ero io a pensare di potere vincere e stravincere, ero quello che lasciava tutto per strada come se il domani fosse stato comunque e scontatamente mio. Quando ero Marta assaporavo la libertà che lei avrà forse a 16 anni e il mio tempo era infinito. Quando ero Luca ero così preoccupato di quello che sarebbe successo da non riuscire a dormire, senza motivo, e solo le notti non finivano mai.
Oggi quando mi sveglio nei giorni migliori penso che questi ragazzi siano la sola cosa sensata di cui mi devo occupare. E bello pensare che ce ne sia almeno una, ma il passo successivo non è facile.

Abbiamo toccato, in questo paese, il fondo delle disuguaglianze. Siamo in media molto più ricchi della generazione scorsa, siamo in media molto più fascisti, e in media ci interessa molto meno come stanno gli altri. Ma e’ la mediana della povertà e del malessere che continua a diminuire, e in quella sillaba sta tutta la differenza del mondo. Sembra sciocco ed è arrogante, ora, pensare di volere cambiare le cose ma come si fa a non pensarci, e se ci si pensa come si fa a non provare ad impegnarsi per fare, e se si comincia davvero a pensare allora come si fa a non capire che per impegnarsi si deve fare in modo diverso. Forse più violento, forse più dolce, ma il marketing e le facce carine possono renderti ricco e famoso ma non cambiano la realta’, danno solo delle illusioni di movimento.
Insomma ci vuole nuovo un sogno politico. Altrimenti ci faremo riportare indietro. I segni e i semi ci sono tutti. Si deve decidere se leggerli o lasciarli germogliare senza strapparli.