2014

Portami:

  • Amore (il mio)
  • Una legge elettorale e poi le elezioni
  • Un nuovo centro per me
  • Il salario di cittadinanza (questa è dura, lo so)
  • Un sacco di risate con i miei figli
  • Emma Bonino Presidente
  • Niente guerre, ok?

Io in cambio ti do questa canzone

Alison 10

Erano i giorni di Chernobyl, io ero molto molto triste perché avevo abbandonato le mie speranze di restare all’università; Khomeini mi aveva battuto, ero arrivato secondo al concorso, ero fuori. Forse proprio per questo volevo a tutti i costi fare qualcosa di incommensurabilmente stupido:  andare sulle calanques con te. E Z.  E la famiglia Bianchini, e chissà chi altro.  E tutto mentre Chernobyl avvelenava i bambini vicini e i lamponi lontani. E  per aiutarmi una terribile influenza giusto prima di partire.

L’avvicinamento in treno era stato già abbastanza difficile, era così chiaro che io ero un estraneo in quel gruppo. Arrivati a Marsiglia, in cammino, ho cominciato a fare una fatica d’inferno a tenere il passo, e non era che l’inizio. La sera, il colpo di grazia tu che dormi con Z io da solo in un angolo. E per una volta, rara nella mia vita, la decisione di smettere di soffrire. Addio, la mattina dopo, e pensate  quello che volete (ammesso che mi notiate).

Ricordo il passo passare da affannato a leggero mentre, per un sentiero laterale, tornavo verso le strade e le case.

Questa canzone letteralmente non c’entra, parla d’altro,  ma me la sento fischiettare mentre cammino verso la stazione con un senso di sopravvivenza. E poi è un omaggio a Lou Reed, trascurato finora.

L’almanacco delle buone notizie – 3

It is amazing to have to celebrate for something that should normally sound obvious, but only today Alan Turing has been fully “pardoned”.

A great man, a genius, a hero in many ways.

And if you believe this has been a given thing, something easy to get, then  remember:  the same act had been denied only 20 months ago.

So, something is moving. And we should rejoice in Turing’s memory.

bbc.co.uk

23 December 2013 Last updated at 19:00 ET The centenary of Turing’s birth was marked in June 2012 Computer pioneer and codebreaker Alan Turing has been given a posthumous royal pardon. It overturns his 1952 conviction for…

ora basta, basta ora

Ieri  volevo scrivere di cose leggere, di come per distrazione mi avesse chiamato amore tre o quattro volte (si ovviamente le conto…), metterci su magari “Bene” che è pura poesia.

Però non mi confondere con niente e con nessuno, e vedrai…
niente e nessuno ti confonderà
soltanto l’innocenza nei miei occhi, c’è nè già meno di ieri, ma che male c’è
le navi di Pierino erano carta di giornale, eppure vedi, sono andate via
magari dove tu volevi andare ed io non ti ho portato mai
e puoi chiamarmi ancora amore mio

Ma ho già troppo De Gregori qui dentro e soprattutto ho capito che non mi stavo proprio muovendo. Che contestare il suo revisionismo storico non serve a nulla. Che non ha pietà, non ha occhi, non ha cuore. Non per me.

Nemmeno un filo sottile, il filo che ho invocato gridando e piangendo e che non c’era prima, non c’è nemmeno adesso; l’istanza non è stata nemmeno considerata, credo nemmeno ascoltata. La mia negazione non l’ha srotolato.

Insomma la negazione deve finire, deve subentrare la rabbia, secondo Kubler-Ross. Non la paura (quella c’è dal primo momento insieme al panico e alla disperazione). E nemmeno la depressione, che per K-R viene dopo ma con me non si è fatta aspettare.  Proprio la rabbia.  Quella che ti fa chiudere e rispondere male e non pensare alle sue reazioni.

“Je m’en fous” potrebbe essere il motto della rabbia. E con lui lo scricciolo rabbioso della Piaf.

Poi ho pensato che alla fine della negazione ci dovesse essere un inno, una celebrazione di quello che ho perso e della sua immensità. Ma non ce l’ho fatta, troppo intimo, troppo personale. E allora Nick Drake, che dice tutto quello che c’è da dire, e lo fa con 10 parole o poco più.

Centri di Identificazione e di Espulsione

Oggi  de Gregorio (Concita, non l’omonimo pseudo politico) scrive un pezzo su Repubblica (pagina 27) bellissimo, scritto per i nostri cuori.

Fa piangere, ha fatto piangere la mia ex ragazza, me, e chissà quanti altri.

Ma.

De Gregorio da la colpa alla Bossi Fini. Ora, i CIE (si chiamavano  CPT) li ha introdotti  una legge che porta i nomi di Napolitano e Turco.  La Bossi-Fini  gli ha solo cambiato nome. Perché? Perché i partiti – anche quello che considero mio e che credo anche  De Gregorio (Concita, sempre) consideri suo parlano solo alla pancia di noi elettori.

E pare che le nostre pance dicano, probabilmente al 75% (sono ottimista!) , che NOI veniamo prima di LORO. Quindi il Governo Prodi  li aveva introdotti, quindi nessun governo di sinistra successivo ha mai fatto nulla per cambiare la Bossi Fini e per abolirli. A farlo, c’è il rischio di  perdere voti.

E quindi tutto quello che riguarda MIGLIORARE la vita degli immigrati NON è in nessuna agenda politica. E’ solo emergenza, dichiarazione solenne, lutto e indignazione. E articolo finale che parla ai nostri cuori e ci fa piangere. Ma non votare.  La strada per Weimar comincia in leggera discesa, poi la pendenza aumenta.

Se il PD non mette questi temi in agenda – davvero –  può anche sparire e sparirà, e sarà giusto così perchè a cosa servi se non sostieni le cose giuste, se segui gli elettori e non gli guidi?

Ma il dopo non sarà piacevole.

 

L’almanacco delle buone notizie – 1

Almeno nelle cose del mondo ogni tanto vorrei parlare di notizie e fatti – quasi incondizionatamente – positivi.  Oggi ne ho trovati almeno due.

 

Sono cominciate in anticipo le olimpiadi invernali.  La grazia a Khodorkovski è solo una manovra di pr, ma ciò non toglie che il suo stare in prigione fosse una ferita aperta nel sistema russo. Ce ne sono altre migliaia, e sicuramente i soldi residui che Khodorkovski aveva sono stati strumentali nel mantenere viva l’attenzione nostra (intesi come opinione pubblica) per lui. E questo non accade per tutti gli altri. Comunque è libero, e io sono contento.

091441845-aff8b358-711b-407d-a066-dcc6bfd8fad2

 

Renzo Piano ha dato una lezione di stile e di intelligenza ai beceri che infestano la nostra classe politica. Leggete qui.

http://genova.repubblica.it/cronaca/2013/12/20/news/piano_con_lo_stipendio_da_senatore_far_lavorare_sei_giovani-74137977/?ref=search

165823549-2eb60ff8-4019-4ed4-9f43-fb159d925875