Alison 1

Inizia in una assemblea di classe. Io sono il “grande” che viene a dare la linea a voi di prima. Continua al parco, d’inverno, sulle panchine nella nebbia. E sul mio Ciao, quando tu mi infili le mani nelle tasche del giaccone. E si congela in una foto al bordo di un campetto di calcio, dove i tuoi occhi ridono e tu hai per sempre quindici anni. Quelli si, gli amori dei quindicenni quando hanno davvero quindici anni, quelli sono veri. Poi, velocemente, muore. ma non per me.

E Saba mi fa capire cosa non ho avuto.

    Io non so più  dolce cosa      dell’amore in giovinezza,      di due amanti in lieta  ebbrezza,      di cui l’un nell’altro muore.  

     Io non so più gran dolore      ch’esser privo di quel bene,      e non porto altre catene      di due braccia ignude e  bianche,  

     che se giù cadono stanche      è per poco, è a breva pace.      Poi la sua bocca che tace,      tutto in lei mi dice: ancora.  

     Spunta in ciel la rosea  aurora,      ed il sonno ella ne apporta,      che a goder ci riconforta      della grande unica cosa.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...